Scritto da: Alessio Lottero - Categorie: guitar stories

Led Zeppelin: i progenitori del rock moderno

Led Zeppelin II: il secondo studio album della band inglese,considerata precursore dell'hard rock, viene pubblicato il 22 Ottobre 1969


Le origini

Led Zeppelin

I Led Zeppelin sono una delle più acclamate rock band della storia, annoverati nella scena inglese, tra quelli che contribuirono a definire il sound del classic rock.
Tra i protagonisti della la sfavillante scena musicale britannica, stilarono i dettami del rock blues, la cui evoluzione ha portato alle molte sottospecie del rock moderno.
L'iniziale suggestione che li porta a muovere i primi passi sulla scena è quella del blues, che dilaga in Inghilterra durante i sixties.
Jimmy Page, il chitarrista, è infatti non solo un grande appassionato del genere, ma anche uno stimatissimo session man che viene presto notato da nomi importanti.
La sua assunzione nei leggendari Yardbirds, a fianco di Jeff Beck, gli permette di sviluppare una sorta di embrione dei led Zeppelin.
Proprio in quel periodo sviluppa la sua identità musicale ed un suono del tutto personale, che diventerà una delle peculiarità dei Led Zeppelin.


La nascita della band

Allo scioglimento degli Yardbirds, Page si unisce al virtuoso cantante blues Robert Plant, al bassista e ottimo arrangiatore John Paul Jones e all'eccelso batterista John Bonham.
E' uno sposalizio tra giovani promesse della Londra di fine anni sessanta, che si consolida nelle sessioni studio del 1968, il cui risultato è il primo studio album.
Led Zeppelin esce nel Gennaio del 1969 ed è subito chiaro che si sia davanti ad un fenomeno musicale innovativo, nonostante la marcata matrice blues.
Il disco viene accolto con entusiasmo in Inghilterra e oltre oceano, portando i Led Zeppelin in auge molto rapidamente.
Page e Plant sono discepoli del blues revival; rispettivamente grazie a Yardbirds e alla scuola di Alexis Korner.
Nonstante questo forte retrogusto, il disco non può essere etichettato come semplice rock blues.
Sarà il secondo lavoro in studio a consolidare lo stile e la fama del Led Zeppelin: il 22 Ottobre dello stesso anno esce LZ II.


Led Zeppelin II: il disco

Led Zeppelin

Alcuni critici considerano i primi due dischi dei Led Zeppelin come il prosieguo del percorso del rock inglese, lasciato in stallo dalla fine dei Cream.
Le analogie con il trio sono presenti in una rielaborazione del blues classico e nella ricerca sonora, anche se appare subito chiaro, un approccio diverso.
Led Zeppelin II, come il predecessore, è un disco di grande sperimentazione sonora e di meraviglioso virtuosismo individuale ci ciascun membro.
La voce energica di Plant, la aspra chitarra di Page e l'incalzante batteria di Bonham magistralmente confezionate da Jones nei suoi arrangiamenti, creano la magia.
Ciascun membro diviene un eroe del rispettivo settore e ogni brano contenuto nell'album si trasforma in un evergreen, capolavori anche nell' opinione odierna dei nuovi appassionati.
Brani come Whole Lotta Love, What Is And What Should Never Be e Ramble On sono ormai definiti autentici inni del rock.
Il riff di Heartbreaker è uno dei piu' conosciuti di sempre
I Led Zeppelin pagano il loro personale tributo al delta blues con citazioni e rimandi.
Nel titolo di Lemon Song ad esempio (Robert Johnson) e nell'apertura di Bring It On Home (citazione di Sonny Boy Williamson.
L'intero disco in vero, sarà preso come spunto da band seguenti di rilievo, che non nasconderanno la profonda influenza avuta da questo must.



Per concludere

Gli anni settanta doneranno ai Led Zeppelin un lungo stato di grazia, concerti epici, sette album al primo posto in classifica e una fama monumentale.
I due volumi seguenti, III e IV, sono classici intramontabili del rock al pari del due album d'esordio.
In questo articolo potrete approfondire la conoscenza di un altro contenitore di classici della band inglese: volume IV.
Dopo la carriera, conclusasi nel 1980 con la morte di John Bonham, il Led Zeppelin si sono dedicati a progetti solisti, prendendo parte nel corso degli anni, a reunion, commemorazioni ed eventi.
A noi rimangono una discografia leggendaria e testimonianze video significative della grandezza di questa band: un baluardo della musica rock e un percorso obbligato per tutti i nuovi avventori del genere.


fine
Alessio Lottero - 

Ti è piaciuto l'articolo?

Valutazione: 5.00/5. Da 3 voti.
Attendi un secondo…

Supporta Guitar Prof

Clicca sul banner sottostante per partire con i tuoi acquisti su Amazon, a te non costerà niente ma darai un piccolo aiuto al blog a mantenere tutti i servizi gratuiti.

guitar prof Testa e Scritta

© 2022 - guitarprof.it - info@guitarprof.it