Scritto da: Lorenzo Galante - Categorie: accompagnamento / rock / styling

Arrangiare le chitarre dei Nothing But Thieves

Nel rock moderno il modo di arrangiare è cambiato. Anche se, parlando di Rock, si tende a semplificare molto. Si conta sulle voci e su altri tipi di prestazioni. Con il brano Amsterdam vediamo come arrangiare le chitarre dei Nothing But Thieves.


Premessa

Questa volta sarò breve. In questo articolo prenderò in esame solo le chitarre della strofa e del ritornello del brano in oggetto. Il resto è arrangiamento che non riguarda molto la chitarra.
Il brano, ed in generale tutta la band, punta sulla straordinaria voce di Conor Mason. Sono certo che i colleghi di canto avranno già trattato l’argomento. Infatti i loro riff e accompagnamenti sono abbastanza semplici. Ritmo e via. Niente di più se non qualche arpeggio. E allora divertiamoci ad arrangiare le chitarre dei Nothing But Thieves.


Il ritmo prima di tutto

Il brano Amsterdam si potrebbe sintetizzare nella figura ritmica che segue:

Arrangiare le chitarre partitura ritmica ottavi
Ritmica Ottavi Nothing but Thieves

Vi lascio anche tre link interessanti. Il primo è il video ufficiale, il secondo è una versione dal vivo. Giusto per sentire quanto la voce di Conor regga anche sul palco. Il terzo è la versione Covid, cioè ognuno a casa sua. In quest’ultima ci possiamo rendere ben conto di quanto cambiano le cose se auto prodotte. I suoni delle chitarre sono quantomeno. improbabili. La batteria non sembra nemmeno microfonata. Forse un vergognoso playback. Ma la voce è straordinaria anche a casa sua.
Si è capito che mi piace la voce di Conor? Ok.
Ecco i link:

https://www.youtube.com/watch?v=X2zcG3bcuMI
https://www.youtube.com/watch?v=Je7OEjykxqo
https://www.youtube.com/watch?v=5rtHJxZNSps

Battere e Levare nell'arrangiamento

Vi ricordate l'articolo Arrangiare le chitarre - battere e levare? In questo brano dei Nothing But Thieves ne abbiamo un esempio.

In contrasto con un’ossessiva batteria che batte i quarti, le chitarre ripetono la suddetta figura. Ovviamente con piccole varianti ed ognuna con i propri accordi. Anche se siamo davanti a semplici bicordi e temi a singole note.
Curiosamente anche il basso segue parte di questa figura. Infatti, dopo ogni brevissimo tema, va sempre in levare.
Mi immagino i dialoghi della band in studio mentre arrangiano e registrano.

Chitarrista 1: ‘ma non saranno troppo banali questi accordi?
Chitarrista 2: ‘non sarà meglio cambiare ritmo nel ritornello?’
Bassista: ‘ma il basso non dovrebbe stare quasi sempre sulla cassa?
Il producer, forse Mike Crossey, preme il bottone rosso nella sala regia. Apre il mic della control room e sentenzia: ‘ che vi frega… tanto tutti ascolteranno la voce’.

Scherzo. Non credo sia andata così.

Concludendo

In effetti la contrapposizione di batteria e voce sul ritmo delle chitarre funziona. E sinceramente è abbastanza originale. È qualcosa di diverso.In conclusione: ritmo, ritmo e ancora ritmo. Così, se vi capitasse di arrangiare le chitarre dei Nothing But Thieves, sapete come fare.
E che la musica sia sempre con voi

Lorenzo Galante

www.accademiamusicaleonline.it

fine

Ti è piaciuto l'articolo?

Valutazione: 4.00/5. Da 1 voto.
Attendi un secondo…