fbpx
Scritto da: Federico Gaspari - Categorie: blues / improvvisazione

10 hot rock blues licks pronti all’uso (parte 1)

10 hot rock blues licks per ampliare il vostro fraseggio nel rock blues e in altri suoi sottogeneri.

Iniziamo!

In questo articolo troverete i primi cinque dei dieci hot rock blues licks pronti all’uso, analizzati e trascritti, così che possiate utilizzarli fin da subito per ampliare il vostro fraseggio. I lick consistono in cinque spunti melodici da utilizzare nel mondo rock blues e tutto ciò che ci gravita attorno; quindi dalle ballad soul, passando dal blues shuffle, fino ad arrivare all’hard rock.

Per facilitarvi il lavoro ho registrato ciascun lick a velocità normale e in versione rallentata, buon divertimento! 


Lick 1 – Blues Shuffle in A

Il primo lick è una frase su uno shuffle blues in LA chiaramente ispirata allo stile di Stevie Ray Vaughan

lick 1 blues shuffle

Ho suonato questo lick sopra le quattro battute centrali di un blues; in questo caso sopra le due battute di D7 (IV grado) e le altre due battute di A7 (I grado). Per questo lick è stata utilizzata esclusivamente la scala minore pentatonica di LA; eccetto per la frase conclusiva dove per risolvere al meglio sul A7 troviamo il DO# (terza di LA) invece della nota DO contenuta nella scala minore pentatonica.
Un particolare da sottolineare è la frase di apertura che può essere chiaramente identificata come una delle frasi signature di SRV. In questa frase infatti, in aggiunta alla scala minore pentatonica, troviamo il SI (la nona di LA) e addirittura un veloce passaggio sul SIb (bemolle nona di LA). Per quanto sembri strano, questo passaggio sulla bemolle nona ha contribuito a rendere unico e riconoscibile il fraseggio di SRV. Provare per credere!


Ecco anche la versione rallentata.


Lick 2 – Modern Rock

Il lick 2 è ispirato alle sonorità pop/rock ed è in tonalità di SI minore.

lick 2 modern rock

L’intero lick 2 è costruito sulla scala minore pentatonica di SI. La frase di apertura è sicuramente di grande effetto ma allo stesso tempo si basa su un concetto assai semplice ovvero quello di suonare, sulla terza e quarta corda, la forma del box di riferimento per poi passare alla forma successiva e così via. Questo concetto è chiaramente applicabile su tutte le corde e a tutti i box.

È interessante inoltre soffermarsi sulla progressione armonica della backing track, molto comune nel pop/rock. Gli accordi di questa backing track (B5, D5, A5 e E5) sono tutti suonati in forma di powerchord per una questione stilistica. Nonostante si tratti di una progressione di accordi minore, la sonorità è resa particolare dal I e dal IV grado (B e E) che, invece di essere minori come di consueto nelle tonalità minori, sono in questo caso, maggiori. Questa caratteristica è chiamata interscambio modale, ovvero il B e il E vengono “presi in prestito” dall’armonizzazione di SI maggiore.
Troverete una situazione analoga in Gravity di John Mayer. Clicca qui per dare un’occhiata all’articolo.


E la versione rallentata.


Lick 3 – Smooth Groove

Il lick 3 prende spunto da uno stile decisamente più sobrio ed elegante rispetto ai primi due esempi.

lick 3 smooth groove

La scala maggiore pentatonica di MI fa da padrona in questo lick. Le peculiarità da evidenziare sono sicuramente i legati slide che caratterizzano la prima parte della melodia e la parte finale suonata con i double stops; tecnica largamente usata da chitarristi come Jimi Hendrix. La backing track è creata sulla falsa riga di un brano di John Mayer.


Segue la versione rallentata.


Lick 4 – Classic Rock

Il lick 4 si rifà allo stile di Chris Buck, chitarrista gallese di ultima generazione che attualmente è alla ribalta grazie al suo stile unico.

lick 4 classic rock

Per il lick 4 ho fatto uso solo della scala minore pentatonica di LA, cercando di lasciare spazio ai connotati che caratterizzano di più il fraseggio di Chris Buck ovvero i legati, sia che si tratti di rapidi slide fra note sia di bending (fino ad un tono e mezzo). La base utilizzata non è nient’altro che la parte introduttiva di un brano di Buck che si prestava perfettamente allo scopo.

Se non conoscete questo giovane chitarrista vi consigliamo vivamente dare un’occhiata ai suoi video e un’ascoltata ai suoi pezzi. Non a caso è stato nominato come Best Blues Guitarist 2020 dai lettori di Guitar Magazine!


Ecco la registrazione dello stesso lick suonato più lentamente.


Lick 5 – Southern Rock

Il lick 5 è senza ombra di dubbio ispirato alla musica blues/rock d’oltreoceano dal sapore southern.

lick 5 southern rock

Per la maggior parte di questo lick è stata utilizzata la scala pentatonica minore di RE. Nella prima battuta si può notare come adoperando la nota SI (sesta di RE) in aggiunta alla semplice pentatonica si riesca ad ottenere il tipico suono della scala minore dorica di RE. Un’altra caratteristica degna di nota è la frase finale in sestine su tre corde che si adatta perfettamente alla scala pentatonica in quanto organizzata due note per corda. Nel primo pattern di sei note suoneremo la pentatonica in maniera discendente sulle corde 1, 2 e 3, dopodiché ripeteremo lo stesso pattern utilizzano questa volta le corde 2, 3 e 4.


E la versione più lenta.


Fine prima parte

Questo era l’ultimo dei cinque lick che compongono la prima parte di 10 hot rock blues licks. Per accedere alla seconda parte dell’articolo contenente gli altri 5 lick, cliccate qui.

Nel frattempo, buon divertimento! 

fine

Ti è piaciuto l'articolo?

Valutazione: 4.50/5. Da 6 voti.
Attendi un secondo…
Promo Lizard CollegeGrande promo in collaborazione con Lizard Accademie!

Quest’anno se sei amico di Guitar Prof avrai 200 euro di sconto sull’iscrizione alla Formula College e potrai usufruire di tanti altri vantaggi offerti in esclusiva da Guitar Prof.