fbpx
Scritto da: Lorenzo Galante - Categorie: tutto il resto

Isobox economica fatta in casa, costruiamola insieme

Volete costruire una isobox economica fatta in casa per non disturbare i vicini ed alzare il volume del vostro ampli? Leggete questo articolo!

Premessa

Dando per scontato che le isobox in commercio hanno materiali migliori a fronte però di prezzi molto alti, possiamo costruire una isobox economica fatta in casa.

Per i pochi che non sanno cosa sia una isobox, diamo una breve definizione. Partiamo dal presupposto che vogliate microfonare il vostro amplificatore e che quindi non usate simulatori. Sappiamo che un volume troppo basso non rende bene la ripresa dal microfono. Di contro un volume troppo alto disturba parenti, vicini e, soprattutto, animali domestici che, creature innocenti, poco hanno a che vedere con la vostra musica. Le isobox sono sistemi per creare piccole zone insonorizzate, dove microfonare il cono di un altoparlante. Le isobox in commercio spesso hanno il cono diffusore integrato all’interno, ma possiamo trovare un’alternativa. Possiamo realizzare un contenitore insonorizzato all’interno del quale posizionare cassa passiva e microfono. Quindi, se volete costruire una isobox economica ma funzionale, leggete il resto dell’articolo. A fronte di una spesa contenuta, avremo buona qualità. Il risultato finale sarà sorprendente.


Materiali low cost per costruire la nostra isobox

Scegliendo legno poco pregiato, tipo il truciolare, possiamo contare su un materiale non armonico e robusto oltre che economico. Ovviamente in qualsiasi falegnameria ve lo forniscono già tagliato, a meno che non siate parenti di un Geppetto pronto a sfoggiare le sue seghe a banco.

In merito al fonoisolante/fonoassorbente qui potremmo fare un trattato di acustica per il quale non sono io la persona più indicata. Però una certezza c’è: per fermare il suono ci vuole massa o vuoto, e quest’ultimo è molto difficile da realizzare. Quindi la vostra isobox fatta in casa sarà rivestita di materiale pesante. Tempo fa era presente sul mercato un composito di poliuretano e piombo, ma ad oggi ci sono altri materiali ben funzionanti. Questi materiali sono reperibili anche nei grandi centri commerciali senza piombo, come la benzina verde.

Ferramenta

Le componenti metalliche che ho scelto hanno lo scopo di rendere apribile e facilmente configurabile la vostra isobox. Non dovrete smontare e rimontare delle parti per accedervi. Quindi ho scelto di incernierare tutte le pareti e di apporre una maniglia per l’apertura della parte frontale e superiore. Possiamo così aprire ed aggiustare e/o cambiare gli accessori all’interno.

Ecco una lista della spesa che potete vedere anche nel video:

materiale ferramente isobox

Alla fine otterrete più o meno questo:

involucro isobox figura 1
involucro isobox figura 2
involucro isobox figura 3
Foto risultato finale

Cassa passiva e microfoni

Su questo argomento… liberi tutti. Ognuno scelga ciò che ritiene più consono tenendo solo presente che i cavi che arrivano all’interno della isobox, passeranno da un vertice del nostro pseudo cubo. Volendo si potrebbe praticare un foro e applicare una presa con doppio jack femmina per inserire i cavi microfono e speaker dall’esterno, però la faccenda si complicherebbe.

Per darvi un’idea dell’abbattimento sonoro possiamo pensare che il volume del vostro amplificatore, normalmente, disturba la quiete condominiale. Con questa isobox sarà percepito come un normale televisore acceso sito nell’appartamento accanto. Questo ovviamente in funzione dei materiali impiegati nell’isolamento acustico e della vostra generosità nel girare la manopola del volume.

L’unica cosa per la quale non ho grandi consigli è la vostra manualità, ma c’è sempre un parente o un amico bravissimo nel bricolage.

E allora armatevi di cacciavite e trincetto, perché non servirà altro per costruire la vostra isobox economica fatta in casa. Guardate il video che spiega tutti i passaggi, e… Rock&Roooolll!!!

E che la musica sia con voi.

fine